sala ristorante
logo barbagia ospitale completo.jpeg

Barbagia ospitale 

Week end febbraio in Barbagia di Belvì

2022-02-07 09:15

bachis

barbagia, barbagia, weekendverde,

Week end febbraio in Barbagia di Belvì

Interessante soggiorno verde nella Barbagia di Belvì

021.jpg

Il mese di febbraio in Barbagia rappresenta sempre qualcosa di emozionante, siamo nel pieno delle manifestazioni del carnevale. Quest'anno, per motivi legati alla pandemia, tutte le iniziative sono state inibite.

Naturalmente non mancano dei buoni motivi per decidere tuttavia di trascorrere un soggiorno nel cuore della Sardegna. La Barbagia di Belvì ed il Mandrolisai e le Barbagie vicine sono ricche di spunti adatti a motivare una piccola vacanza.

Vi vogliamo proporre un bel week end semplice poco impegnativo ma non per questo meno coinvolgente ed emozionante. 

 

                                                   SABATO

Il sabato mattina si inizia con la visita del sito geominerario Funtana Raminosa. A Gadoni hanno riqualificato la vecchia e gloriosa miniera, rendendola fruibile in maniera tale che la si possa visitare in sicurezza.

Gli ex minatori si sono organizzati ed oggi alcuni di loro fanno da guida, accompagnando i turisti e sopratutto i bambini alla scoperta di un mondo sotterraneo molto suggestivo.  

 

Il pranzo sarà l'occasione per assaggiare un piatto unico fatto di  fregula accompagnata dallo stufato del giorno.

 

 

Nel primo pomeriggio si potrebbe fare un itinerario degli artigiani

visitando il tintore naturale di Atzara ed il laboratorio dei campancci di Tonara.

Anche la cena sarà l'occasione per assaggiare qualcosa di locale, una bella grigliata di carne con le patate .

 

Il pernottamento  offre varie opzioni:
 hotel, b&b, appartamento o casolare in campagna.

 

                                                   DOMENICA


Passeggiata nei boschi intorno a Belvi ed Aritzo da soli o con un accompagnatore. Si cammina immersi nella pace del bosco, lentamente ed in massima sicurezza.  Abbiamo pensato di coinvolgere i nostri clienti con un laboratorio del formaggio. Immergere le mani nel latte lavorare la cagliata e plasmare il prodotto più importante della nostra economia.  
 

Per pranzo una bella degustazione:  ravioli e pane frattau, formaggio arrosto e miele.

 

Nel primo pomeriggio  ci starebbe una bella passeggiata per le vie di Aritzo, magari praticando il percorso museale, articolato nelle seguenti tappe:  museo etnografico, museo del pittore Mura, vecchie carceri con mostra della stregoneria, casa padronale Devilla (800).

 

TARIFFE

Si parte da 96 euro, vini esclusi.  

Fino a 10 anni 45 euro.

Gli ingressi al sito minerario  ed al percorso museale di Aritzo 

costano 6 e 3 euro.